Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 1st, 2022

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

1 Giugno 2022

Er due giugno

Er due giugno

***

Festa de la Repubblica italiana,

co tanto de parata militare,

da li Fori Imperiali ar granne artare,

che sta in Piazza Venezzia, nun lontana.

***

Poi voleno da Pratica de Mare,

le frecce tricolori e ’na fiumana

de gente, tutta a naso in su, che sgrana

l’occhi ner rombo de virate rare.

**+

E tutti quanti in fila, pe reparto,

davanti ar pizzo ’ndó c’è er Presidente,

sfileno li sordati, sguardo in arto.

***

Viè da penzà co ’ste forze de tera,

de mare e d’aria e ’gni arma più potente,

com’è che avemo perzo noi la guera?

**+

Stefano Agostino

____________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

Giugno a Roma

Giugno a Roma

***

Da la matina presto a sera tardi,

Roma s’abbronza a Giugno de li raggi,

d’un sole che s’asfarta a fà miraggi,

’ndó brilla l’acqua che nun c’è, si guardi.

***

È bello rimané pe ’sti paraggi,

l’azzuro in celo a catturà li sguardi,

le brevi notti a ’ncentivà ritardi,

ch’er giorno dopo paghi pe pedaggi.

***

Comincio e fine giugno sò du’ ponti:

le forze armate e li santi patroni,

chiude la scòla, s’apreno orizzonti.

***

E su terazzi ovunque e a li loggioni,

s’appoggeno de sera li tramonti,

a chiacchierà co tetti e cornicioni.

***

Stefano Agostino

________________________

***