Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno 24th, 2022

La Roma in rima,Poesie romaniste

24 Giugno 2022

Un mese fa

Un mese fa

***

Un mese fa, er 25 maggio,

s’arzava in celo arta quela Coppa,

la gioia ancora oggi è così troppa,

ch’è come ieri avé inizziato er viaggio.

***

Ner mentre festeggiamo c’è chi schioppa,

er poveraccio, ‘na vita in disaggio,

nun se ripìa e se vò fà coraggio,

chiamannola “coppetta” … e lì se stoppa.

***

Pe tutti quanti l’artri è un gran traguardo,

che merita rispetto, onore e gloria,

che va a la lupa che fa da stendardo.

***

Perciò ancora grazzie a ‘sta vittoria,

che riempie ‘sta città e rubba lo sguardo,

a chi ne porta er nome e la memoria.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

San Giovanni Battista

San Giovanni Battista

***

È stato, com’è noto, er Precurzore,

sin quanno ch’esurtò ner grembo incerto

de mamma Elisabbetta e ner deserto,

lui de Gesù, er nostro Sarvatore.

***

Giovanni fu er Battista, da Dio scerto,

pe preparà l’arivo der Signore,

pe convertì le genti e co fervore,

le battezzava in acqua, a còre aperto.

***

Pe corpa de ‘na tresca tra Re Erode

e la cognata, moje der fratello,

che lui più vorte denunciò, da prode, …

***

… morì decapitato, co un tranello

pe un ballo e ‘na promessa co la frode,

e rese gloria a Dio, ner Fìo, l’Agnello. 

***

Stefano Agostino

__________________________

***