Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto 9th, 2022

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

9 Agosto 2022

Er buciardo

Er buciardo

***

Che gusto te darà dì le bucìe?

Che bella professione e ber mestiere,

quello de chi vò fà crede pe vere,

le più frescacce tra le fantasie.

***

Te puzza riccontà cose sincere,

senz’artifici o spece de maggìe,

pe straformalle in millanterie,

che manni in giro pure cor coriere ?!?

***

A vorte dì ’na balla viè opportuno,

ma artra cosa è l’èsse gran cantante,

buciardo pure ne l’uno più uno.

***

Ariverà quer giorno, nun distante,

che nun te crederà mai più nisuno,

pure ch’hai detto er vero più lampante.

***

Stefano Agostino

________________________

***