Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 30th, 2022

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Novembre 2022

Dicembre romano

Dicembre romano

***

Dicembre odora già de luci accese,

negozzi aperti e corze a li regali,

pacchi e pacchetti de strenne speciali,

tra ponti lunghi e feste a fine mese.

***

Zampogne e canti più tradizzionali,

presepi dentro e forà de le chiese,

vetrine in fila, come braccia tese,

pe abbraccicà clienti occasionali.

***

Entra l’Inverno, quanno ch’è er ventuno,

poi er 24, a tavola, un canestro

p’aricordà quer Pupo a quarchiduno.

***

Er dubbio su che fà a San Sirvestro,

nemmanco er tempo a dillo è già trentuno

e l’anno è ito via … “Sona maestro!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Sant’Andrea

Sant’Andrea

***

Prima lui fu discepolo ar Battista,

poi primo Apostolo, co tar nomea,

lui cor fratello Pietro, dico, Andrea,

pe annà a seguì Gesù, già solo a vista.

***

Pescaveno già er pesce in Galilea,

Gesù je cambia rete de conquista,

in pescatori d’ommini a fà lista,

pe tutta la gran tera de Giudea.

***

Lui ner subbì er martirio de la Croce,

quella de Andrea de crocifissione,

volle su legno a “X” pe nun dà voce …

***

… ar grido interno a fà imitazzione,

der sacrificio de Gesù, atroce,

quer palo messo a “T” de Redenzione.

***

Stefano Agostino

________________________

***