Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

24 Luglio 2019

Battaja quotidiana

Battaja quotidiana

***

A prenne er bus a Roma è annà in guera,

ortre a l’attese bibbliche d’aspetto,

sali sur mezzo e te ce vò l’ermetto,

de li “marines” che sbarcheno in frontiera.

***

Sarò un po’ esaggerato, sì, l’ammetto,

ma appena che s’è chiusa la portiera,

de spinte, carci e botte c’è ‘na fiera,

solo pe fasse obbriterà er bijetto.

***

E nun se sa l’ossiggeno ‘ndò regni,

ar punto che quann’esci paonazzo

ar posto de le gambe ciài du’ legni.

***

Ma è normale che ce sia st’annazzo:

“Sorreggersi agli appositi sostegni”,

in fonno è un modo d’attaccasse ar cazzo!

***

Stefano Agostino

________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Battaja quotidiana

***

******

  1. Purtroppo, oggi, e mica solo sull’autobus, s’attaccamo là!

    Comment di letizia — 16 Luglio 2012 @ 11:13
  2. Er fatto è che stamo in Estate (E state fermi) e er personale è ridott come so’ ridotte le corse. Nun hanno penzato che, causa la “crisi” e la manovra Monti, la popolazzione è guasi tutta arimasta a casa. Laonde per cui poscia (fa come er cane maschio) è invitabbile er casino a palese dimostrazzione de l’incapacità de chi, chiunque sia, s’avvicenda ar Campidojo

    Comment di 'svardo — 16 Luglio 2012 @ 17:21
  3. L’autobusse è la mejo palestra della vita…
    Concentrazione e stretching alla fermata, quanno ariva scatto bruciante pè piallo, un par de gradoni stile Zeman pè salicce, poi apnea costante pè restacce, equilibrio e resistenza pè nun cascàcce… Posti a sede: ZERO!
    Eh sì perchè, regà, artro che Olimpiadi, queste se chiameno Alimpiedi!

    Comment di Luis — 16 Luglio 2012 @ 19:40
  4. A prenne er bus a Roma è annà in guera
    ortre a l’attese bibbliche d’aspetto,
    sali sur mezzo e te ce vò l’ermetto,
    de li “marines” che sbarcheno in frontiera. … (continua)

    Comment di Stefano — 29 Aprile 2017 @ 07:32
  5. Fantastico sonetto “Sorreggersi agli appositi sostegni”…, con quel che segue, è proprio vero!
    Buona Giornata!

    Comment di letizia — 29 Aprile 2017 @ 15:11
  6. Bongiorno der 30 aprile. Ber sonetto he illustra perfettamente er modo de viaggia’ sur mezzo pubblico. Ar proposito ce sarebbe d’aricorda’ a canzone: “Samba sul tranvai” der 1949 ‘a cantava Nilla Pizzi. Se trova su you tube …..
    La sur tranvai si nun t’attacchi scivoli,
    la sur tranvai sei chiuso come ‘n trappola
    su e giu ar son de ‘n campanello
    puoi cantare e danzar …. la samba ‘n tranvai.
    ……. Bòna cantata.

    Comment di Romamor AsR'29 — 30 Aprile 2017 @ 00:47
  7. Sonetto molto veritiero, specialmente l’ultima riga! Sono stata fortunata ad andare in pensione quando prendere l’auto per andare al lavoro era ancora decente e il guaio è che sarà sempre peggio!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 24 Luglio 2019 @ 11:32
  8. Certo che fa’ un male profonno,
    constata’ che sta’ Roma nostra,
    e’ diventata……….terzo mondo!

    Comment di romano cb — 24 Luglio 2019 @ 13:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>