Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Luglio 2012

Tempo de mare

Tempo de mare

***

È er tempo de palette cor secchiello,

de passeggiate lungo er bagnasciuga,

de chi vole esibbì la “tartaruga”

e chi fa invece cura de l’agnello.

***

Er Sole p’abbronzasse quarche ruga,

un pescatore torna cor battello,

‘na vela, du’ bagnini e un “cocco-bello”,

un tuffo e poi ‘na doccia che t’asciuga.

***

Le file de lettini e d’ombrelloni

e tra le onde fà remà un canotto

co in sottofonno radio e racchettoni.

***

Amori e baci cor costume sotto

che sembreno già mezzi matrimoni,

ma poi se torna a casa e er vaso è rotto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. BELLO!!!!!! sembra davvero di essere sulla spiaggia!

    Comment di letizia — 9 Luglio 2012 @ 12:29
  2. Eh si, la cura dell’agnello… eheheh, c’è chi invece fa vita sedentaria tutto l’anno mangiando male, e poi l’estate vuole perdere tanti chili in fretta… mah… “er tempo de palette cor secchiello” a volte cambia la gente nell’approccio alla vita.

    Comment di Silvio — 9 Luglio 2012 @ 12:52
  3. L’urtima terzina è pe chi se scorda er gatto libero pe casa. E’ arisaputo che quanno er gatto è libero se ‘nfila in ogni porta e ….rompe er vaso.

    Comment di 'svardo — 9 Luglio 2012 @ 16:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>