Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 Luglio 2012

Licenza poetica

Licenza poetica

******

Si quarche vorta nun ce sta la rima,

nun se ne trova una a l’occorenza,

pò capità de prenne  ‘na licenza,

tanto pe chiude er verzo e pe fà prima.

***

E nun è giudicata un’indecenza

e quer poeta nun perde la stima,

p’avé creato co scarpello o lima

parole nove de cui nun c’è scienza.

***

Perciò pur’io, pò èsse e qui v’avverto,

co faccia der colore più der bronzo,

che userò licenze, in modo aperto.

***

E in casi come fà la rima a sbronzo,

ché nun la trovo e mica so’ un esperto,

me prenno ‘na licenza e dico “STRano”.

***

Stefano Agostino 

___________________________

  1. Er finale “STRano” m’ha fatto aricorda’ er las… che fa rima co’ tale che, trovannose sulle rive dell’Isonzo c’è cascato e galleggiava. Auronzo, Auronzo, come sei STrano.
    L’occasione de licenza m’ha levato la decenza.

    Comment by RomamoR — 28 Luglio 2012 @ 22:50
  2. … potevi chiude co “lazziale” … più rima de quella!! … ché mò co “PERDOVIC” come allenatore ne vedremo delle belle …

    Comment by Elio Malloni — 29 Luglio 2012 @ 11:58
  3. Grande Stè, co tutti li licenziati, ahinoi, de sto periodo figurete se nun è attuale na licenza poetica!!!

    Comment by Luis — 29 Luglio 2012 @ 13:14
  4. Grandioso Stefano, non ci sono parole per la tua verve e fantasia. Fantastico sonetto… Salustri e Belli si staranno stropicciando le mani a leggere i tuoi endecasillabi!
    Certo che gli scoloriti che, dati alla Mano,
    si ritirano ad Auronzo sono proprio un fatto… STRano…

    Comment by Pablo BigHorn — 29 Luglio 2012 @ 22:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>