Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani

5 Agosto 2019

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

Quer 5 agosto neve a l’Esquilino

***

Pe dà un accenno storico, pur breve,

intorno a l’anno quattrocentotrenta,

Libborio, er Papa, volle fà contenta

la Vergine Maria, come se deve…

***

… Lei er cinque agosto fece scegne lenta,

soffice, bianca, lucida e più lieve,

su l’Esquilino, er colle, fitta neve,

lui ce gettò de suo le fonnamenta…

***

… pe costruì Santa Maria Maggiore,

lì in su quer ber perimetro innevato,

miracolo vestito de candore.

***

‘Sto fatto viè ‘gni anno aricordato,

co petali de rosa bianca e er fiore

che scegne a neve dar tetto ar sagrato.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

  1. Pe dà un accenno storico, pur breve,
    intorno a l’anno quattrocentotrenta,
    Libborio, er Papa, volle fà contenta
    la Vergine Maria, come se deve… (continua)

    Comment di Stefano — 26 Luglio 2016 @ 15:46
  2. Il 5 agosto di ogni anno, in ricordo della Madonna della Neve, avviene la rievocazione del “miracolo della nevicata”: durante una suggestiva celebrazione viene fatta scendere dalla cupola della cappella Paolina una cascata di petali bianchi! chissà se questo avvenimento è davvero stato un miracolo!?
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 5 Agosto 2019 @ 12:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>