Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Agosto 2012

L’automobbilista

L’automobbilista

***

Nun je dài manco er tempo der rodaggio,

che già ne hai vista un’artra ch’è più bella,

te cambi l’auto come in passerella,

ce se cambia er vestito a ’gni passaggio.

 ***

E trovi sempre la scusa sorella,

che te la fà comprà perché è un vantaggio,

quest’è pe la città, quell’è pe un viaggio,

ché nun vai ortre Santa Marinella.

 ***

Basta che esce poi un modello novo,

che stai già dentro dar concessionario,

pe te oramai un punto d’aritrovo.

 ***

E fai cent’ore e più de straordinario,

ma co li sordi magni sì e no un ovo,

er resto ar garaggista mijonario.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Vero, ce sta sempre er maniaco de ‘na cosa. Quello quì descritto ha da esse’ abbastanza danaroso perché puro magnanno pe scommessa, sti cambi continui nun so’ bazzecole.

    Er penziero der giorno è invariato

    Comment di 'svardo — 23 Agosto 2012 @ 09:09
  2. Pure se non scrivo, leggo sempre i sonetti e i commenti, che sono sempre belli (i sonetti) e interessanti (i commenti). Rngrazio ‘svardo che mi rende edotta del pensiero del giorno.

    Comment di letizia — 23 Agosto 2012 @ 20:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>