Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

26 Settembre 2009

Na gita a li castelli

Tags: , ,

Guarda che sole ch’è sortito Nannì
che profumo de rose de garofani e pansè.
Come tutto un paradiso li Castelli so’ accosì.
Guarda Frascati  ch’è tutto un sorriso
‘na delizia, n’amore,  ‘na bellezza da incanta’.

Lo vedi, ecco Marino la sagra c’è dell’uva
fontane che danno vino quant’abbondanza c’è.
Appresso vi è Genzano cor pittoresco Albano
su viett’a diverti’  Nannì Nannì.

Là c’è l’Ariccia più giù c’è Castello
ch’è davvero un goiello co’ quel lago da incanta’.
E de fravole ‘n profumo solo a Nemi poi senti’.
Sotto quel lago un mistero ce sta
de Tibberio le navi con l’antica civiltà.

So mejo de la sciampagna li vini de ‘ste vigne
ce fanno la cuccagna dar tempo de Noè.
Li prati a tutto spiano so’ frutte, vigne e grano
s’annamo a mette lì Nannì, Nannì.

È sera e già le stelle te fanno un manto d’oro
e le velletranelle se mettono a canta’
se sente ‘no stornello risponde un ritornello
che coro vie’ a senti’  Nannì, Nannì.

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>