Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

2 Settembre 2012

T’è capitato mai

T’è capitato mai

***

T’è capitato mai d’avé un’idea,

d’articolà li gangli der cervello?

Provacce armeno, manco dico quello,

ma ’ndò l’hai preso, a sardo da l’Ikea?

 ***

Usà la testa è più un indovinello,

ché ce lo sanno tutti e fa nomea,

che ciài un neurone solo e sta in apnea,

ma è mejo: si se move fa un macello.

 ***

Te sei mai chiesto quale sia er motivo,

d’avecce la corteccia cerebrale,

che poi ner caso tuo è un riempitivo?

 ***

Embè ma mó che ce rimani male?

Vabbè, fórze so’ stato un po’ cattivo,

ma mica è corpa mia si sei lazziale!

***

Stefano Agostino

***

  1. Bongiorno e…come dice er penziero der giorno: “Buona domenica a tutti”. Meno male ch’ho risorto provvisoriamente er problema.
    Bello er sonetto, ma ce so’ situazzioni che prescindeno da la volontà de ‘na perzona.
    Presempio: c’è er laziale che ce nasce perché concepito co’ quer difetto e nun è corpa sua, pòra cratura; c’è quello imperdonabbile, che ce diventa perché nun sente er valore de li colori che lo circonneno: i tramonti, la maggior parte de li fiori co’ bellissime sfumature rossarancio, er simbolo stesso de Roma Città co’ la bandiera giallorossa; e diventa celestepallido. Embè in sto caso è giusto er sonetto.

    Comment by 'svardo — 2 Settembre 2012 @ 10:35
  2. molti diventano laziali perchè il parentado è laziale, non per scelta e questa è la cosa peggiore, non usano la loro testa! che scemi!

    Comment by letizia — 2 Settembre 2012 @ 13:22
  3. Ebbene sì, pare che pure li lazzieli c’hanno la corteccia cerebrale… ma solo perchè sò de legno!!!

    Comment by Luis — 2 Settembre 2012 @ 16:56

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>