Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Novembre 2012

Cambià er destino

Cambià er destino

***

N’ho fatte tante de cazzate in vita,

che a riccontalle ce divento vecchio,

ma èssenno stufo de guardà ‘sto specchio,

le lasso da ‘na parte e dico: “è ita”.

***

Rimugginà nun conta mai parecchio,

riconteggianno sempre su ‘ste dita,

le vorte in cui ho mollato la partita,

buttanno er risurtato indentr’ar secchio.

***

Mó vojo guardà avanti e penzà a ‘gni ora,

de stà a aricuperà er cammino

ch’ho perzo fin’a qui: respiro ancora.

***

Ma no domani (ché nun so’ indovino),

né jeri (manco storico) e allora

lo faccio oggi de cambià er destino.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Ahò ‘sto Cellino sta schiumando di rabbia, ma più parla e più si copre di ridicolo… L’ha fatta fuori dal vaso e se la deve prendere solo con se stesso, rispettasse le regole la prossima volta!!!

    Comment di Silvio — 21 Novembre 2012 @ 09:37
  2. Sempre er Mejo, Stè, sempre Mejo!
    Mai guardasse indietro, la vita è na LOTTA, se no se fa la fine della biblica moje de LOT (e quindi se chiamava LOTTA?)che restò di sale!

    Ar cellino datejelo sto tavolino… ma pure 4 sedie… elettriche…

    Comment di Luis — 21 Novembre 2012 @ 13:50
  3. Grazie Silvio e Luis e grazie a tutti quelli che si ricordano di postare un messaggio.

    Comment di Stefano — 21 Novembre 2012 @ 14:01
  4. Mah, forse so’ ‘n “Bastian contrario”; avrei preferito giocasseli sti 3 punti. A sta magniera saremo sempre soggetti a lo sfottò: diranno che la Roma c’avuto paura dr Cajari in forma com’adesso. Ce li rinfacceranno infino a la notte de li tempi futuri.
    Sarà er destino d’esse’ romanisti?

    Comment di RomamoR AsR'929 — 21 Novembre 2012 @ 14:03
  5. Si dice che ognuno di noi il destino se lo fa da solo, ma non è vero: certe cose, a volte, càpitano, anche se non vogliamo. Ho messo l’accento sulla a, perchè di Capitàno ce n’è uno solo.

    Comment di letizia — 21 Novembre 2012 @ 20:09
  6. Dopo aver postato, ho riletto quello che ho scritto: ma che so’ ubriaca? io so’ astemia.

    Comment di letizia — 21 Novembre 2012 @ 20:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>