Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Ottobre 2012

Comincia a punge

Comincia a punge

***

Comincia a punge la matina presto,

anche si nun è ancora da cappotto,

ma è mejo avecce ‘na majetta sotto

de la salute, se chiama, der resto.

***

S’accorceno li giorni tutt’a un botto

e ar tardo pomeriggio è bujo pesto,

l’ora solare serve propio a questo:

a cancellà l’estate co un complotto.

***

E la temperatura scegne lenta,

e tocca già arisporverà majoni,

cercanno un piatto callo de polenta.

***

De notte, poi, ricicceno piumoni,

mentre de giorno c’è chi se cimenta

nell’hobby de stà a rompe li … maroni.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Ahhahahahah…bellissima!…e vera!

    Comment di Stefania al MAscherone — 26 Ottobre 2012 @ 10:00
  2. Fenita l’Estate che ha rubbato più de ‘n mese a l’Autunno, s’incominceno a senti’ li primi freddi. Che ce volemo fa? E’ er tempo suo: tempo de callaroste e polenta co le spuntature e sarcicce e de ‘n bon bicchiere de vino.
    ….
    Er penziero der giorno evidenzia un vizio de li formellesi: l’autogolle:
    “Bello il vantaggio laziale di ieri: frutto di un’azione corale, ben orchestrata, in cui si vede la mano dell’allenatore. L’autogol a quel punto è inevitabile”.
    Bello e indimenticabbile er Derby vinto co l’autogolle.
    lassiale.
    ….
    Chissà, spero, magara, forse, probabbile, ma quanno?
    Queste l’aspettative de vede’ DODO’ in campo.

    Comment di 'svardo — 26 Ottobre 2012 @ 10:06
  3. BELLO!
    Grazie ‘svardo

    Comment di letizia — 26 Ottobre 2012 @ 23:31
  4. Tutto tristemente vero, soprattutto il finale…!

    Comment di Silvio — 27 Ottobre 2012 @ 00:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>