Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

20 Novembre 2012

Er pedofilo

Er pedofilo

***

Io nun so che je passa p’er cervello,

p’annassela a pijà co un regazzino,

pe soddisfà un’infamia d’aguzzino,

che pe godé deve stuprà un pischello.

 ***

A raggionà co spirito divino,

anch’er pedofilo è mi’ fratello.

Signore mio, tu metteme ar burello,

si quello è mi’ fratello, io so’ Caino!

 ***

Nimmanco io so a che sarei disposto,

si mai lo becco un giorno a fà quer gesto,

si me lo chiedo, già me so’ arisposto.

 ***

Je mozzo quela specie de pretesto,

che cià in mezzo a le gambe e su quer posto,

felice aspetto er tempo de l’aresto!

***

Stefano Agostino

______________________

  1. Castrazione chimica è poco…io userei le cesoie per potare!!!!! molto piu’ efficaci

    Comment by stefania — 20 Novembre 2012 @ 12:51
  2. bellissima Stefano…anche se molto triste!

    Comment by stefania — 20 Novembre 2012 @ 12:51
  3. … io lo metterei in mezzo a ‘na dozzina de giganti… che ‘o fanno giocà a Gico-Giaco… Poi vojo vedè che ne pensa…
    Saran malati, saran… Fosse pè me la malattia che cianno avrebbe sempre un decorso… fatale!
    Scusate, ma quanno ce vò, ce vò…
    «Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare». (Marco – 9,42)

    Comment by Luis — 20 Novembre 2012 @ 21:11
  4. Porca E…!
    Scusate, ma s’è rotto Lamela!
    Aò, è dalla Genesi, che quanno c’è de mezzo Lamela, è colpa de Eva!

    Comment by Luis — 20 Novembre 2012 @ 21:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>