Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Dicembre 2012

Batte le brocchette

Batte le brocchette

***

Se batteno le brocche stammatina,

 ma che vor dì ‘sto batte le brocchette? —

Ma come che vor dì: sò frasi dette

pe rende er senzo ne la parlantina.

***

Brocchette, a véde bene e annà a riflette,

cià già er “BR” a imBRividì de BRina

la locuzzione intera rintorcina

cor “batte” a dà l’idea che nun la smette.

***

Le brocche o le brocchette sò li denti,

così che tutta assieme ‘st’espressione

fa avvertì freddo solo che la senti.

***

La sintesi de tutto ‘sto sermone

è che stà sottozzero, immantinenti,

m’ha congelato l’urtimo neurone.

***

Stefano Agostino

_________________________ 

  1. Brrr fa veramente freddo!

    Comment by letizia — 7 Dicembre 2012 @ 09:23
  2. Ottima descrizzione der modo de di’ che fa ‘n freddo cane.
    Speramo che er penziero der giorno s’avverì: “Sarà pure trita e ritrita: ma magnamose ‘sta Fiorentina”; cotta puntino, ‘n pò ar sangue.
    Azzecatissimo pure “A piacere”: quella de le polemiche de li media è diventata ‘na novena che c’ha rotto li zebbidei.

    Comment by 'svardo — 7 Dicembre 2012 @ 09:30
  3. Scooterista tutto l’anno, ‘sti giorni sto passando momenti davvero difficili…!!!

    Comment by Silvio — 7 Dicembre 2012 @ 10:24
  4. E meno male che questo è freddo der Norde; aspettate ch’ariva ‘a tramontana, li cosidetti: “Frascatani”; quella pizzice pe davvero e te fa senti’ l’uccelletti a la punta de le dita, c or vento che t’entra da tutte le parti..

    Comment by 'svardo — 7 Dicembre 2012 @ 11:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>