Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Gennaio 2013

E dopo li bagordi natalizzi

E dopo li bagordi natalizzi

***

E dopo li bagordi natalizzi,

tocca tornà a la vita conzueta:

ricomincià er tran-tran, mettese a dieta,

scordanno feste, soste, sonni e sfizzi.

***

Ché pe riuscicce devi èsse asceta,

senza né frizzi e lazzi e né stravizzi,

ma tanto l’hai da fà, mejo che inizzi,

si nun pòi annatte a perde p’er pianeta.

***

Bollette, scola, traffico e lavoro,

manco un minuto e già me sento male,

vorebbe urlà, ma qui er silenzio è d’oro.

***

‘Na cosa m’ariporta ar tempo uguale

 ch’è appena ito via, che cosa? Loro:  

du’ palle da fà l’arbero a Natale. 

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Finite le feste, s’aritorna a la normalità e c’è chi, guardannose a lo specchio, s’aritrova ‘n pò de panza; gniente paura c’ha penzato Monti a falla cala’ ‘n fretta. Vedrete, co tutti li rincari, come se magnerà de meno.
    Sonetto perfetto; fa la rassegna d li tempi corenti ch’asciugheno li “conti corenti”.

    Comment di 'svardo — 8 Gennaio 2013 @ 08:44
  2. Io devo ancora disfare il presepio!
    Possibile che la partita di coppa deve essere giocata a Firenze? Ma questi non sanno cosa inventare per fregarci!

    Comment di letizia — 8 Gennaio 2013 @ 13:08
  3. ispiratissimo sonetto, grande Stefano!

    Comment di Pablo BigHorn — 8 Gennaio 2013 @ 17:22
  4. sul pensiero del giorno, sono d’accordo: a Napoli sono mancati soprattutto i due terzini, specie balzaretti che si è sempre perso l’uomo. Questa squadra di oggi con candela e cafù sarebbe da vertice

    Comment di Pablo BigHorn — 8 Gennaio 2013 @ 17:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>