Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 Gennaio 2013

Che Paese

Che Paese

^^^

Sortanto in quest’Itaja, in tutt’er monno,

s’ariva a fà sembrà o santi o eroi,

Schettini, Moggi o gente che so, poi,

come Misseri e artri … è lo sprofonno.

***

Sortanto qua in Itaja, qui da noi,

li più zozzoni ponno, dico ponno,

sta a candidasse, da perdece er sonno,

a l’elezzioni … no, diteme voi.

***

Si anche uno solo viè poi eletto,

io chiedo ar volo er cambio de Nazzione,

nun je la faccio a aregge più quer detto…

***

… der ber Paese, ché sto in confusione,

a me me pare più un gran gabbinetto,

‘ndò nun ce sta sistema d’areazzione.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. In Itaja semo propio a lo sprofonno e l’unico paragone possibbile e l’urtima terzina, ma co ‘n particolare: ammanca pure ‘o sciacquone.
    Si ce fosse stato lo scarico se poteva spera’, ancora, de manna’ pe cloaca li zozzoni ladroni.
    So’ come la gramigna che, nun essennoce chi la estirpa, più cresce e alligna.
    P.S.: DAJE ROMA, SI NUN VòI PERDE’ ER TRENO, OGGI HAI SOLO DA DANNATTE PE VINCE. l’HAI DA FA’ PE FORZA.
    DAJE ROMA DAJE!!!!

    Comment by 'svardoASR'29 — 13 Gennaio 2013 @ 12:07
  2. Italia, paese governato da ladri e truffatori. I nostri antenati si stanno rivoltando nella tomba, veramente bisognerebbe emigrare, ma io amo troppo ROMA e LA ROMA.
    Per oggi, speriamo bene, temo l’arbitro interista e domenica prossima abbiamo l’inter….

    Comment by letizia — 13 Gennaio 2013 @ 13:52
  3. ROMA PER NOI MAI UNA GIOIA EH!

    Comment by letizia — 13 Gennaio 2013 @ 17:09

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>