Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Febbraio 2013

Ritorna eppoi ritorna e torna ancora

Ritorna eppoi ritorna e torna ancora

***

Ritorna eppoi ritorna e torna ancora,

nun se ne pò prescinne, né fà a meno,

inevitabbirmente sotto a un treno

te lassa già da quanno ch’è l’aurora.

***

La sveja che m’ariempie de veleno,

come pò èsse che già è giunta l’ora

d’arzasse e da sortì dar letto, fòra,

de un artro lunedì, ma ‘ndò sta er freno?

***

Ma, dico io, ch’è propio necessario

dovello fà tornà uno ‘gni sette?

Provamo a taroccaje er calendario.

***

Ma a penzacce bene e in più a ariflette,

‘na cosa cià de bono: ossia l’orario,

ar giro ventiquattro de lancette.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Pecato! Er Lunedì, la mejio giornata de la settimana, provoca, a Stefano e a artri, er rigetto pe’ idiosincrasia.
    Sarà perché, ‘nvece d’anna’ a lo sgobbo, preferischeno d’anna’ ar mare? Certo che, cor Sole de oggi, sarebbe mejo.
    Coraggio che, come dici nell’urtima terzina, dura solo du giri de lancetta d’orlogio e pure domani ce sarà er Sole.
    …….
    Penziero cattivo: Fuse che fusse propio Andreazzoli er mestatore der dopo Spalletti?

    Comment di RomamoR AsR '929 — 4 Febbraio 2013 @ 09:53
  2. Parole sante Stè: la sveglia che suona il lunedi mattina è un vero e proprio strumento di tortura!

    Comment di Silvio — 4 Febbraio 2013 @ 10:04
  3. Per fortuna, per me ormai, è sempre sabato! E, cmq. questo lunedì nonostante tutto, è meno amaro (pensiero del giorno e a piacere) BRAVO STEFANO

    Comment di letizia — 4 Febbraio 2013 @ 10:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>