Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Luglio 2019

Batte er petto in chiesa

Batte er petto in Chiesa

***

Te vedo sempre batte er petto in Chiesa,

rosario in mano, a bisbijà er Vangelo,

fòri de lì, però, aprete cèlo,

li connotati cambi de sorpresa.

***

Ce manca che te metti er saio o er velo,

le mani giunte da Madre Teresa,

ma esci e già sei pronto a la contesa:

“nun me dì er vero che s’addrizza er pelo!”

***

Che vale èsse cristiani a ‘sta magnera,

si a l’ ITE MISSA EST, segno de Croce,

poi vivi come avanzo de galera?

***

De certo nun so’ mica er portavoce,

ma Dio te vede da matina a sera

e a seguità così … te manna a coce!

***

 Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Te vedo sempre batte er petto in Chiesa,
    rosario in mano, a bisbijà er Vangelo,
    fòri de lì, però, “aprite cèlo”,
    li connotati cambi de sorpresa. …

    Comment di Stefano — 18 Luglio 2019 @ 05:50
  2. Di persone descritte in questo bel sonetto ne ho incontrate diverse, proprio uscendo dalla Chiesa, inveire in malo modo contro qualcuno che aveva parcheggiato l’auto in doppia fila! Mah! così è la vita.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 18 Luglio 2019 @ 10:53
  3. Ber sonetto che ha messo er dito su un’artra piaga umana!

    Comment di romano cb — 18 Luglio 2019 @ 16:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>