Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Febbraio 2016

Dar Vangelo der giorno: “l’arbero de fico”

Dar Vangelo der giorno: “l’arbero de fico”

***

Un giorno un tizzio a un arbero de fico,

l’annò a piantà ar centro de la vigna,

speranno prima o poi, co rabbia arcigna,

che je facesse frutti grossi un plico.

***

E pe tre anni se mise la tigna

fin quanno poi s’arese e disse: “Amico”,

–  ar vignarolo –  “io me maledico,

ma st’arbero mó vojo che se svigna”.

***

Er vignarolo, allora de rimanno,

je disse: “Aspe’, ce metto un po’ er concime,

fammelo lavorà, ancora un anno…”

***

Er primo j’arispose pe le rime,

je disse: “Sì”, hai visto mai speranno,

che l’arbero tradisse le sue stime.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. BELLO! “Er Vangelo de’ Noantri”, lo potresti scrivere anche tu , caro Stefano!

    Comment by letizia — 3 Marzo 2013 @ 10:35
  2. Un giorno un tizzio a un arbero de fico,
    l’annò a piantà ar centro de la vigna,
    speranno prima o poi, co rabbia arcigna,
    che je facesse frutti grossi un plico. … (continua)

    Comment by Stefano — 28 Febbraio 2016 @ 09:44
  3. Noi siamo come il fico che, se non dà frutti, dovrà essere abbattuto. Ma l’Amore di Dio, tramite il Suo Figlio Gesù, ci dona la salvezza, se noi la vogliamo.
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 28 Febbraio 2016 @ 11:01
  4. Bel sonetto relativo a una significativa Parabola del Vangelo. Giusta la spiegazione data da Letizia.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 29 Febbraio 2016 @ 00:22

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>