Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

8 Marzo 2013

La pupetta de pietra

La pupetta de pietra

 

Signore mio, quest’è la mia preghiera,

riuscilla a fà nun sempre me se addice,

ma te lo chiedo più pe Beatrice,

ce vò ‘na mano Tua che sia infermiera.

***

Falla tornà a rivive e èsse felice,

a lei e pe la sua famija intera,

falla guarì, e fallo già stasera,

da la sua malatia ch’è distruttrice.

***

Sta a diventà de pietra pe l’azzione

de un gene strano, mai trovato prima,

carcificante ‘gni articolazzione.

***

E nun c’è medicina e manco stima

che fermi qua ‘sta ossificazzione:

penzace tu Signo’, a cambià ‘sta rima.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Che brutta malattia, spietata e infame… La sofferenza di una bimba piccola arriva dritta in fondo al cuore!

    Comment di Silvio — 8 Marzo 2013 @ 09:45
  2. Mi associo alla particolare preghiera insita nella rima. Purtroppo, oggi, stanno sorgendo tante nuove patologie, forse dovute alle infinite diavolerie che troviamo in ciò che mangiamo, delle quali non sono conosciute le conseguenze.
    Un augurio particolare, nell’odierna “festa della donna”, alla madre di questa bambina.

    Comment di 'svardoASR'29 — 8 Marzo 2013 @ 10:51
  3. Quando leggo certe cose mi viene una tristezza infinita, perchè mi rendo conto di quanto siamo inermi. Quello che posso fare io è pregare per la piccola e per i suoi genitori (e so che è poca cosa).
    ….
    E poi dobbiamo smettere di festeggiare l’otto marzo: è una commemorazione e non una festa.

    Comment di letizia — 8 Marzo 2013 @ 11:30
  4. come padre sono basito e addolorato nel leggere queste notizie. Ho visto le immagini in cui i genitori cercano di compensare l’impossibilità del movimento strusciando peluche sul viso della bambina, generando una sensazione tattile, e lei sorride. Mamma mia che dolore per noi e che strazio per i genitori.
    Sono d’accordo con il pensiero del giorno, bisogna fare in modo che sia la festa della donna 365 giorni l’anno, non solo oggi.
    Per Letizia, non si tratta di una commemorazione, ma di una festa. Infatti, la storia della commemorazione delle vittime di un incendio nella fabbrica Cottons è una leggenda, questa fabbrica non è mai esisstita, e i dettagli li puoi trovare su http://it.wikipedia.org/wiki/Giornata_internazionale_della_donna

    Comment di Pablo BigHorn — 8 Marzo 2013 @ 12:23
  5. Caro Pablo, se le cose stanno così, mi sento meglio!

    Comment di letizia — 8 Marzo 2013 @ 18:52
  6. Quando ho visto nella trasmissione televisiva del mattino l’intervista ai genitori della piccola Beatrice, mi sono lasciato andare a un singulto, e mi sono sentito pervadere da un senso di disperazione. Vedere quella mamma che stringeva a se quella bimba come fosse una bambola, eppure era una creatura viva. Non ho parole per esprimere tutta la mia partecipazione al dolore di questa famiglia così coraggiosa.

    Comment di CARLO PIGHI — 8 Marzo 2013 @ 21:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>