Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

22 marzo 2013

Sarebbe er caso de formà un Governo

Sarebbe er caso de formà un Governo

***

Sarebbe er caso de formà un Governo

che sappia mette in riga un po’ er Paese,

sarvi l’economia e, a braccia tese,

ridia giustizzia e pace da l’interno.

***

Che ce preservi da dové fà spese

de ‘na politica che da l’esterno,

sta a trasformà l’Europa un mezzo inferno

e stà a mannà sur lastrico l’imprese.

***

Serve un Governo, inzomma, co le palle,

che penzi a dà un futuro a ‘sto presente,

 che cià un passato che cià troppe falle.

***

Ce sta quarcuno che già se la sente

de ripijà l’Italia su le spalle,

p’er bene suo e de tutta la sua gente?

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Bonna seconna giornata de Primavera.
    Ber sonetto Ste’, e bella domanna finale: ma ando’ se trova ‘na persona onesta, sagace economista e deciso legislatore, che sappia imporre la propria personalità a ‘na massa de politicanti papponi? A parte er fatto che ce la meritamo, ce vorebbe ‘na dittatura democratica, cioè eletta a maggioranza co’ regolare tornata elettorale. Ma chi?

    Comment by 'svardoASR'29 — 22 marzo 2013 @ 09:27
  2. La barca sta andando alla deriva: ci vorrebbe un timoniere che non sia schettino! Ma chi è?

    Comment by letizia — 22 marzo 2013 @ 10:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>