Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Marzo 2013

Viva er sabbato

Viva er sabbato

***

Er sabbato va preso ar misurino,

a goccia, a goccia, come un distillato,

a sorzi piccoletti, va gustato

come lo se pò fà cor mejo vino.

**

Centellinà er seconno, assaporato,

sin dar principio fresco der matino,

avanti tutto er giorno e sera, fino,

a quanno nun s’addorme ch’è passato.

***

Abbada quinni a nun sprecà un momento,

che fosse pure quello der fà gnente,

ma vale mejo questo d’artri cento.

***

Er sabbato viè come un sarvaggente,

armeno questo è quello che io sento

e nun pretenno d’èsse convincente.

***

Stefano Agostino

__________________________

 

  1. Ok, viva er sabbato, pure si a me tutti li giorni pònno esse’ sabbato o domenica. Però c’è ‘n però, ‘sto sabbato ammanca l’aspettativa de la partita domenicale e già m’arisurta noioso.

    Comment by 'svardoASR'29 — 23 Marzo 2013 @ 09:07
  2. Buon giorno a tutti!
    Il sabato è il giorno più bello della settimana “diman tristezza e noia”, anche perché non c’è la nostra amata ASROMA

    Comment by letizia — 23 Marzo 2013 @ 10:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>