Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Marzo 2013

Urtima cena

Urtima cena

***

Spezzava er pane pe dacce Se stesso,

ce offriva er vino, sangue d’Alleanza,

eppure in quela sera e in quela stanza,

un omo lo tradiva, senza un nesso.

 ***

Li piedi ce lavava come usanza,

da perpetrà ner tempo e annaje appresso

e un artro poi lo rinnegava spesso,

quanno cantò quer gallo in lontananza.

 ***

Pregava mentre tutti dormivamo,

a un tratto un bacio infame e le catene,

co tutti quanti noi a dì: “che famo?”

***

Più de dumila de ’st’urtime cene,

da allora sò passate, ma ar Suo: “V’amo”,

noi nun riuscimo a dì: “Te vojo bene!”

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. BELLO, BELLO, BELLO !!! Bravissimo Ste’. M’hai commosso in particolare ne l’urtima terzina, è vero; nun c’ariesce de dije: “Te vojo bene”

    Comment di 'svardoASR'29 — 28 Marzo 2013 @ 11:41
  2. madonna ragazzi,ispiratissima!

    Comment di Laura — 28 Marzo 2013 @ 12:01
  3. sei davvero bravo!!!!

    Comment di Luigi Bellotta — 28 Marzo 2013 @ 12:05
  4. Grazie Luigi

    Comment di Stefano — 28 Marzo 2013 @ 12:27
  5. Mi chiedo sempre se l’umanità ha meritato questo atto d’amore estremo!

    Comment di Silvio — 28 Marzo 2013 @ 15:22
  6. Stefano è un pò come Totti: un fuoriclasse che non finisce mai di stupire, e noi non finiamo mai di dire Grazie Capità, Grazie Stè!

    Comment di Pablo BigHorn — 28 Marzo 2013 @ 16:21
  7. Grazie a tutti. Paolo, il paragone con Totti mi esalta, ma non merito tanto. Ti ringrazio infinitamente.

    Comment di Stefano — 28 Marzo 2013 @ 22:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>