Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Aprile 2013

A Fabbrizzio

A Fabbrizzio

***

Quest’è pe te, fratello mio, Fabbrizzio,

pe ditte quello che nun t’ho mai detto,

che io te strignerebbe stretto stretto,

in un abbraccio che cià solo inizzio.

***

E te direbbe de un artro scudetto,

vinto da Roma nostra e der supplizzio

de li lazziali e nun lo sai che sfizzio,

vedelli rosicà, che ber diletto.

***

Ma nun ce riesco a èsse convincente,

ché ciò ’sto groppo in gola che, sapessi,

me toje er fiato e nun me fa dì gnente.

***

Perciò hai visto mai che me leggessi,

chiudo ’sta rima, (tanto chi ce sente?),

mannanno un bacio a TE e uno a JESSY.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

Dedicato a Fabrizio Barone,  fratello di un’amica,
che ci ha salutato per un nuovo viaggio
in compagnia della sua cagnetta Jessy.
***
  1. Bello! Fabrizio sicuramente legge e ti ringrazia.

    Comment by letizia — 13 Aprile 2013 @ 11:29
  2. ….e anche Jessy!

    Comment by letizia — 13 Aprile 2013 @ 11:30
  3. Ber sonetto p’augura’ bob viaggio a chi è ‘n partenza. Si nun s’offenneno, m’associo pur’io ne l’augurio: Bon viaggio Jessì e Fabbrizio.

    Comment by 'svardoASR'29 — 13 Aprile 2013 @ 15:10
  4. Scusate, mi sembra di non aver capito bene il sonetto.
    Ssno tornato a leggerlo: ho l’impressione che si tratti del viaggio estremo o mi sbaglio ancora? Si, l’illustrazione e la commozione fanno pensare a questo. Un abbraccio a l’amica di Fabrizio e amica di Stefano.

    Comment by 'svardoASR'29 — 13 Aprile 2013 @ 17:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>