Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

15 Aprile 2013

Che Stato è?

Che Stato è?

***

Che Stato è, ‘ndò nun ce sta un Governo,

tra quarche giorno manco un Presidente,

che Stato è,  si nun ce sta più gnente:

pe fà ‘na maggioranza ce vò un terno.

***

Che Stato è, quello de questa gente,

co mille e più conflitti da l’interno,

che credibbilità ner monno esterno

più che diminuita, è granne assente.

***

E pe squallide beghe de partito,

nun c’è nessuno che se mette in testa

de tutelà er Paese e move un dito.

***

E mentre magna a sbafo in quarche festa,

manco se renne conto ch’è finito,

ché prima o poi ‘sto popolo protesta.

***

Stefano Agostino

____________________

  1. Finacchè er popolo mormora o protesta nun succede gniete, seguita solo a pjassela ‘nder cu…cchimo.
    C’è ‘n’aneddoto de li tempi de San Filippo Neri:
    Er Papa domannava ar tesoriere: “che fa er popolo?”; arisponneva: “mormora Santità”; e er Papa: “aumenta le tasse”: Quanno, però, a la solita domanna, arispose: “sta zitto Santità”; er Papa ordinò: “leva le tasse”.
    Er pericolo de ‘na rivoluzzione è quanno se sta zitti, no quanno se fanno millanta ciance ar vento.

    Comment by 'svardoASR'29 — 15 Aprile 2013 @ 09:25
  2. Mah! che dire, insorgi popolo!?….

    Comment by letizia — 15 Aprile 2013 @ 10:33
  3. Già noi lo stiamo facendo, ma soprattutto le prossime generazioni, quelle dei nostri figli, pagheranno un prezzo altissimo per la scelerata gestione degli ultimi decenni di questo nostro Paese!

    Comment by Silvio — 15 Aprile 2013 @ 12:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>