Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

28 Ottobre 2009

28 ottobre

28ott

28 ottobre

***

Ventotto ottobbre, si fossi ar potere,

lo spazzerebbe via dar calendario,

– nun me guardà co st’occhio visionario –

ce sò giornate bianche e artre nere.

***

Ventotto ottobbre è l’anìversario,

de quanno ho detto SI’ a le bombognere,

ar pranzo, ar rito, ar cerimognere,

a fede ar dito, come armamentario.

***

Sbajà è umano e ce sta pure er detto,

ma er mio nun fu solo un semprice èrore,

ma ‘na stronzata da facce un quadretto.

***

Te do un consijo: “Te chiami lettore?

Ecco arimani appunto in dentr’ar letto,

e fa passà ste ventiquattro ore…

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Stefano non sapevo di questa cosa, anche se una tua frase un giorno mi ci fece pensare, e mi dispiace. Da un amico ti aspetti parole profonde e intense. Il fatto che noi AMICI non siamo(l’amicizia vera è ben altro rispetto al nostro rapporto) mi porterebbe solo a frasi di circostanza che mi e ti evito. Il dispiacere è l’unica cosa che adesso mi sento di esprimerti. Quando ho aperto il sonetto, prima di leggerlo immaginavo volessi parlare di un altro 28 ottobre, un 28 ottobre nefasto e datato giusto giusto 30 anni. Ma in quello non ci fu ritorno, quello purtroppo fu definitivo e ci segnò tutti. Tu imvece sei qui tra noi con i tuoi pregi e con i tuoi difetti. Forse, come dici, non fu un semplice errore, m sicuramente non un errore definitivo senza via d’uscita. Ti abbraccio amico mio.

    Comment di Massimiliano "Bariggio" — 28 Ottobre 2009 @ 11:49
  2. Consolati caro Stefano, non sei certo l’unico ad aver fatto quel passo, prima in avanti e poi all’indietro…! Anzi sai che te dico, che sei in ottima e numerosa compagnia, e anche se l’anello al dito non è sempre sinonimo di cappio al collo, su una cosa trovi tutti daccordo: le donne passano ma i buoni amici restano e ci accompagnano sempre! Ti propongo quindi di sostituire nel tuo cuore questa data da sgradevole ricordo a gioiosa commemorazione dell’amicizia.

    Comment di Silvio — 28 Ottobre 2009 @ 11:55
  3. Caro Stefano, anche questo fa parte della vita, della tua vita e sicuramente con il tuo stupendo carattere supererai anche questa prova. E’ vero che gli amici (e le amiche) restano, ma si possono incontrare compagni o compagne che durano tutta la vita.
    Fede

    Comment di Federica_Perla — 28 Ottobre 2009 @ 12:17
  4. Stefano, non sapevo che fossi sposato! A leggere di tale data presentata come “nefasta”, sembra che si sia trattato di un FUNERALE 🙁 Detto da una persona PER CUI LA FEDE NUZIALE E’ UN SIMBOLO DI SCHIAVITU’….

    Comment di Principessa — 28 Ottobre 2009 @ 12:17
  5. Max, Silvio, Perla, Principessa grazie per la vostra vicinanza. E’ bello avere amici come voi. Una piccola precisazione, che credo sia utile dare: non sono sposato, sono stato sposato, ma grazie a Dio è passata. Tutto qui.

    Comment di Stefano — 28 Ottobre 2009 @ 13:00
  6. Mi dispiace tanto che ti sia andata tanto male, ma la vita continua e sicuramente hai trovato di meglio. In bocca al lupo, caro Stefano.

    Comment di letizia — 28 Ottobre 2009 @ 13:51
  7. :-* Magari il 28 ottobre del prossimo anno REPLICHI con quella DEFINITIVA …chissà.

    Comment di Principessa — 28 Ottobre 2009 @ 15:38
  8. mi agguingo a principessa chissà se la replica sarà quella definitiva chissà ?????
    io l’anello nun l’ho mai messo,sò celibe nella carta d’indentità ma sò 18 anni de convivenza e una fia de mezzo voluta e amata (spero prima o poi comincarà a di che io nun l’ho datto ……)se te pò migliorà l’umore in questa data pè te da migliorà noi siamo con te i sbagli capitano ma nun è mai colpa de uno solo,dajjè stefano prova a fà come dice pincipessa e chissà……….

    Comment di PEDRO — 28 Ottobre 2009 @ 17:48
  9. Daje Ste’, fai bene a considerlla acqua passata, ma certi ricordi aresteno ‘mpressi, specie si hai veramente amato.
    Pe’ me è stato diverso; quanno so’arimasto solo stavo prossimo a la sessantina, e c’ha pensato quello che nominamo padreterno.
    T’auguro de trova’, come dice Perla, ‘na persona che te possa accompagna’ tutta la vita. Magari già l’hai trovata. In due se vive mejio. Auguri

    Comment di ?svardo — 29 Ottobre 2009 @ 13:40
  10. Veramente me credevo che se trattava der 28 ottobre de 87 anni fa. Puro quello c’ha lassato un segno.

    Comment di ?svardo — 29 Ottobre 2009 @ 13:42
  11. Brutta data questo 28 ottobre…Marcette nefaste, razzi assassini e matrimoni andati male…spero che la sfortuna derivi dal mese e non dal numero 28…sai com’è…io mi sposo il 28 dicembre prossimo!

    Comment di Daniele Sololupo — 29 Ottobre 2009 @ 14:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>