Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Maggio 2013

Er Sindaco de Roma

Er Sindaco de Roma

***

Vorebbe un sindaco ch’amasse Roma,

un decimo de quer che l’amo io,

volesse er Cèlo, sì, volesse Dio,

de fanne uno che cià ’sto diploma.

***

E lo vorebbe che je fosse fijo,

sin da li piedi fino inzù a la chioma,

e indentro ar centro de ’gni cromosoma,

ciavesse un soffio de l’amore mio.

***

Un sindaco così, senza colore,

che faccia er suo mestiere co l’orgojo,

de chi sa che lavora, ma è un onore.

***

Inzomma, e chiudo, er sindaco che vojo,

deve sentisse Roma indentr’ar còre,

e no p’er culo callo ar Campidojo.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Si, propio senza colore de partito e, pe dilla sincera e chiara, pure si fosse de pelle colorata e amasse veramente Roma, io starebbe da la parte sua. Me sa che sarebbe bòno de levacce de torno tutta la zavorra de fannulloni, emigrati a Roma pe bivacca’.

    Comment di 'svardoASR'29 — 25 Maggio 2013 @ 15:19
  2. Anche a me piacerebbe tanto un sindaco romano (e anche romanista perché no!)

    Comment di letizia — 26 Maggio 2013 @ 11:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>