Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Maggio 2013

La Riconcijazzione

La Riconcijazzione

***

A vorte sento come l’esiggenza

d’annà a fà pace un po’ cor Creatore,

specie quann’ho commesso un quarche erore,

specie quanno ch’ho fatto ‘na scemenza.

***

Nun è pe dije un Atto de Dolore,

né pe smacchiamme un poco la coscènza,

né tanto meno pe la penitenza,

ma pe l’effetto che me dà interiore.

***

Quanno ch’er sacerdote dà er perdono

me sento in pace che so solo io  

ché nun l’ariesco a esprime, ma ch’è un dono…

***

… che si passa pe ‘st’omo ar fianco mio,

nun viè da lui che me pò dà un condono,

ma pò venì sortanto che da Dio.

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. Verissimo Ste’, hai descritto mirabirmente e ‘n modo semplice, come ce se sente dopo ‘na confessione, magari solo ‘na chiacchierata distensiva co ‘n bravo sacerdote.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 29 Maggio 2013 @ 09:18
  2. Perfetto questo sonetto: anch’io mi sento così dopo una confessione.

    Comment by letizia — 29 Maggio 2013 @ 17:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>