Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Luglio 2018

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

La mortiplicazzione de li pani e de li pesci

***

“Ce sò du’ pesci e appena cinque pani,

che je daremo da magnà a ’sta gente,

venuta fin’a qui? Chi se la sente

de dije annate a casa e a domani?”

 ***

Gesù arispose: “Nun je dite gnente,

contate quanti sò ’st’esseri umani.”

“Sò cinquemila e manco tutti sani”,

“Mó magneranno abbonnantemente”.

 ***

E detto questo arzò quel’occhi ar cèlo,

e rese grazzie poi ar Padre Celeste,

spezzò quer pane, segno der Vangelo.

 ***

Magnarono le cinquemila teste,

er pane e er pesce, tutte, e co gran zelo,

ché sò avanzate poi dodici ceste.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. bellissimo! Stefano sei grande

    Comment by letizia — 2 Giugno 2013 @ 10:25
  2. “Ce sò du’ pesci e appena cinque pani,
    che je daremo da magnà a ’sta gente,
    venuta fin’a qui? Chi se la sente
    de dije annate a casa e a domani?” … (continua)

    Comment by Stefano — 29 Maggio 2016 @ 08:02
  3. Un bel sonetto per un magnifico Vangelo: Dio non ci abbandona mai e ci ama sempre!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 29 Maggio 2016 @ 13:22
  4. La Divina Provvidenza, non lascia solo chi crede nella parola del Signore.

    Comment by 'svardo — 29 Luglio 2018 @ 11:44
  5. Dobbiamo sempre confidare in Dio Padre, Lui non ci lascia mai soli e può tutto!
    Buona Domenica.

    Comment by maria letizia — 29 Luglio 2018 @ 12:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>