Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Giugno 2013

Gira er monno gira

Gira er monno gira

***

Ce sò arcuni tizzi e perzonaggi

che pe potere, sòrdi o pe natura,

pe propie doti innate o pe curtura,

se credeno chissà d’èsse che saggi.

***

De un narcisismo ch’è d’ortremisura,

se penzeno d’avé grossi appannaggi,

ch’er monno senza li loro passaggi

sarebbe o un deserto o ‘na radura.

***

Ma nun ve preoccupate pe ‘sto monno

che pure senza voi e er vostro permesso,

lui nun se ferma manco pe un seconno.

***

E si per caso, mai, mettemo adesso,

dovreste annà a dormì l’estremo sonno,

state pur certi, girerà lo stesso.

****

Stefano Agostino

_______________________

  1. Eh sì, il modo gira uguale senza i presuntuosi, e forse anche meglio!

    Comment by Silvio — 3 Giugno 2013 @ 10:00
  2. di presuntuosi saccentoni ce ne sono tanti: senza andare troppo lontano, basta guardare la dirigenza della nostra Roma. Pure lotirchio mica scherza!

    Comment by letizia — 3 Giugno 2013 @ 14:13

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>