Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Giugno 2013

Li fochi d’artificio

Li fochi d’artificio 

 

Me renno conto (fosse bon auspicio),

d’èsse rimasto ancora regazzino,

ma regazzino è troppo, più bambino,

quanno ce sò li fochi d’artificio.

***

Dar primo avvertimento ar gran casino,

la testa in su – divertimentificio –

rischianno er torcicollo in sacrificio,

me ‘mbambolo a guardalli da vicino.

***

 Girannole, tra abbracci de colore,

er friccico de luci a fà ‘na stella,

quello che viè giù a goccia oppure a còre.

***

‘Na pioggia de lucette e io de sotto,

a catturà la vita quant’è bella,

prima che chiude er conto un triplo botto.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. M’aricordo che a ‘gni rosa de colori ch’appariva ‘n cielo, se sentiva: aaaaaahhhhhhh bellooooo!!!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 30 Giugno 2013 @ 08:52
  2. I fuochi d’artificio hanno qualcosa di magico che incanta tutti grandi e piccini

    Comment di letizia — 30 Giugno 2013 @ 11:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>