Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Luglio 2013

GMG e Papa Francesco

GMG e Papa Francesco

***

France’, pe la GMG in Brasile,

parlece tu si pòi cor Principale,

pe dà a la gioventù, quela mondiale,

speranze de ‘na vita più civile.

***

Ché qui er futuro se sta a mette male,

un po’ pe tutti, senza campanile,

cor monno ch’è aridotto ormai a un porcile,

‘ndò ce sta tutto, tranne ch’er maiale.

***

Tu parlaje, France’, cor còre in mano,

come ciài detto allora: “Bonasera”,

co ‘no spagnolo simile ar romano.

***

Pe ridà Luce e Amore a questa Tera,

e un futuro ar genere umano,

so certo che Lui ascorta ‘sta preghiera.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Quadro perfetto de quello che c’è arimasto da fa’. Solo prega’, speranno che er destinatario stia ancora in ascorto e nun sia stufato d’avverticce.

    Comment by 'svardoASR'29 — 24 Luglio 2013 @ 08:13
  2. “Cor monno ch’è aridotto ormai a un porcile” la speranza di invertire la rotta è riposta solo nei giovani: è a loro che bisogna rivolgersi con la stessa umiltà disarmante del Santo che ha dato il nome a papa Bergoglio.

    Comment by Silvio — 24 Luglio 2013 @ 08:42
  3. Chissà, rimane o nun rimane? Cmq AUGURI a DDR pe 30 primavere fatte. Lo volemo sempre ‘n Giallorosso.

    Comment by RomamoR AsR '929 — 24 Luglio 2013 @ 10:08
  4. Leggendo questi versi, veramente sentiti, mi è venuto un groppo in gola: solo LUI può aiutarci.

    Comment by letizia — 24 Luglio 2013 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>