Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Agosto 2013

Vojo un igloo

Vojo un igloo

***

Vojo un igloo senza riscallamento,

arifiatà in un fiordo norveggese,

stà a Capo Nord armeno pe un mese,

provà de un iceberg er galleggiamento.

***

Cor Capitano Findus che, in paese,

ce penza lui ar vettovajamento,

co Messner che me dice, assai contento:

“Artissima, purissima…”, cortese.

***

Vojo li rompighiaccio e spargisale

er gatto de le nevi, orzi e pinguini,

lo Yeti, pure ch’è poco ospitale.

***

E co ‘na polo, giocà a polo ar Polo,

lascià la scia, liscianno li vicini, …

er callo me dà in testa?  Nun so’ er solo.

***

Stefano Agostino

_________________________

  1. sarebbe un’ottima canzone …

    Comment di Elio Malloni — 7 Agosto 2013 @ 11:02
  2. Ma è bellissimo questo sonetto| W il caldo, se ti fa scrivere cose così divertenti.

    Comment di letizia — 7 Agosto 2013 @ 11:03
  3. Attualità fantasticamente commentata.
    Se penza tutto, pur de levasse da dosso st’impressione de callo. Si, perché senti’ callo è ‘n fatto de suggestione collettiva. Nun c’è gnisuno che va contro corente e te dice la verità: FA FREDDO CANE. Io che nun m’associo, devo tene’ li termosifoni a palla.
    Un momento che busseno a la porta: SO’ QUELLI D’A NEUROOOOO!!!

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Agosto 2013 @ 11:20
  4. E intanto alle 7 di stamattina ha fatto 4 schizzetti di pioggia….qualche GUFO LAZZIALE si aggira per il Circeo 😀

    Comment di principessa — 9 Agosto 2013 @ 08:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>