Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Novembre 2018

Cane e padrone

canepad1

Cane e padrone

***

Nun se sa, fa li due, chi era er più vecchio,

si quer vecchietto tutto arincarcato,

o er cane suo, da sempre appennicato,

co ‘na macchietta bianca inzù l’orecchio.

***

Ma er fatto è che ‘sto duo rabberciato,

faceva coppia fissa, come a specchio,

quanno te guardi fronte e de sottecchio,

te vedi lì arifresso, spiccicato.

***

Nun so chi mai portava l’artro a zonzo,

si er padrone ar cane o viceverza,

conzideranno er primo sempre sbronzo.

***

Ma so quanto me manca, mo’ disperza,

quela scenetta viva che, da stronzo,

l’ho sempre giudicata vita perza.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Leggendo questi versi rifletto che spesso si dimentica quanto profondamente fedeli e affettuosi sono i cani verso l’uomo, ma spesso sono anche molto di più: la compagnìa e la cura di un cagnolino è infatti ragione di vita per tante persone anziane, la cui esistenza è scandita dalla solitudine. Criminale spietato chi maltratta questi animali innocenti, o chi li abbandona a morte sicura…

    Comment di Silvio — 10 Novembre 2009 @ 11:18
  2. Sonetto tenero, ma allo stesso tempo MOLTO TRISTE.

    Comment di Principessa — 10 Novembre 2009 @ 13:09
  3. sei meravigliosi.. il mio CHICCO dalla Vigna del Signore te fa tante feste!!
    grazie Amico mio

    Comment di debby — 10 Novembre 2009 @ 15:25
  4. Che t’ho da di’? Sta scena, così bene illustrata dar sonetto, me fa er paro co’ quella der “vecchio smemorato”. Me mette ‘n magone de triste dorcezza a penza che ce ne so’ veramente tanti ‘n queste condizzioni. Doppo tanto lavora’, ecco che j’ariserva la vita. Aringrazio er Signore de sentimme sempre vicini li fiji, puro si a le vorte so’ lontani.

    Comment di ?svardo — 10 Novembre 2009 @ 19:40
  5. Nun se sa, fa li due, chi era er più vecchio,
    si quer vecchietto tutto arincarcato,
    o er cane suo, da sempre appennicato,
    co ‘na macchietta bianca inzù l’orecchio. … (continua)

    Comment di Stefano — 18 Novembre 2018 @ 18:06
  6. Ennesimo lunedì, oggi freddo, uggioso e pungente. Effettivamente fatico a trovare qualcosa di peggio, perfino la Nazionale di calcio riesce ad essermi meno sgradevole…

    Comment di Silvio — 19 Novembre 2018 @ 09:16
  7. Quando mi affaccio la mattina li vedo, cane e padrone, esattamente come li hai descritti e non so chi dei due è più vecchio e più malandato! Mi fanno un po’ pena. specialmente in giornate come quella di oggi grigia e fredda!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 19 Novembre 2018 @ 11:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>