Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Agosto 2013

Dar Vangelo der giorno: “li servi ar ritorno der padrone”

Dar Vangelo der giorno:

“li servi ar ritorno der padrone”

***

Gesù così je disse: “State accorti,

ché nun se pò sapé qual è quer giorno,

quanno che sarà er tempo der ritorno,

fateve trova dritti, anziché storti.

***

Si nun volete coce indentr’ar forno,

appena dar seconno dopo morti,

nun fateve beccà libberi e sciorti,

come li servi, senza er capo attorno.

***

Ché si er padrone torna a l’infedeli

de certo nun je la fa passà liscia,

come farà quer dì er Re de li Cèli.

***

Così che p’evità er “verme” che striscia,

vedete d’applicalli ‘sti Vangeli,

pe nun finì a casa de la “biscia”.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. De sti tempi, co tutte ‘e tentazzioni che ce so’ ‘n giro, è dura cerca’ de nun fasse becca’ ‘n castagna dar principale. Ce provamo.

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Agosto 2013 @ 08:54
  2. Aoh, li famo l’auguri a la nostra “Principessa”? Ha raggiunto ‘a maggior’età.
    “princesse” tanti e poi tanti de sti giorni. Mo’ che sei maggiorenne, te posso augura’ d’esse’, tra 22 anni, ‘na seria e diligente funzionaria di un grande istuto?

    Comment by 'svardoASR'29 — 11 Agosto 2013 @ 09:01
  3. Magnifico sonetto! Caro Stefano, ogni volta ti superi, altroché!
    Tanti Auguri a Pincipessa di lunghi anni felici!

    Comment by letizia — 11 Agosto 2013 @ 18:02
  4. Grazie per gli auguri :* :* :*

    Comment by principessa — 12 Agosto 2013 @ 15:37

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>