Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Agosto 2013

Er telefonino

Er telefonino

***

Ma che invenzione ch’è er telefonino:

più granne no, nun ce poteva èsse,

dopo la rota, er GPRS,

artro che foco acceso cor cerino.

 ***

È assai più fico invià SMS,

ch’è un artro modo pe dì messaggino,

TVTB e M MNCH N CSNO,

e chi ce n’ha deppiù, più ne mettesse.

 ***

Te fa le foto e video in galleria,

musica e giochi, sveja e vibbrazzione,

carcolatrice e segreteria.

 ***

’Gni tanto, poi, ma giusto a l’occasione,

te serve pure pe telefonia,

ma nun è certo quella l’invenzione…

 ***

Stefano Agostino

_________________________

  1. Tengo ‘n coso che pò esse er progenitore de sta specie,’n pezzo de metallo pressofuso, che, ‘gni tanto, me serve pe fa ‘na telefonata o, si c’ariesco, pe manna’ un, sì, se chiama così: SMS, che, vorgarmente detto, sarebbe ‘n messaggio.
    Si sto su un mezzo pubblico, me diverto a vede’ quelli che s’ncacchieno perché nu j’ariesce er giochetto che stanno a fa’, oppure vede’ gente che, pe strada, gesticola e parla come si fosse matta, ‘nvece sta a telefona’.
    Er monno è diventato piccolo.

    Comment by 'svardoASR'29 — 23 Agosto 2013 @ 09:34
  2. La seconda terzina è illuminante: pensa un po’ ci si può anche telefonare!

    Comment by letizia — 23 Agosto 2013 @ 11:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>