Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Agosto 2013

Er frescone

Er frescone

***

Perché tu sei così? Mica va bene,

scusa si me permetto ’sto conzijo:

abbozzi sempre, senza batte cijo,

co chi te vò sfruttà e mette catene.

 ***

Si de mignotta tu fossi un gran fijo,

penzassi a te e a nun pijatte pene,

da chi te scrocca tutto, pranzi e cene,

te cercheresti idoneo nascondijo.

 ***

Invece sei un frescone, troppo bono,

nun te stranisci, manco s’hai da perde:

a chi je dai le pacche, a chi er perdono.

 ***

Ma quanto li vorebbe vedé ar verde,

quelli che fai giobbà cor tuo condono,

pe poi gridaje in faccia a tutti: “A MERDE!”

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. MERDE? … Penzo che mejo de strillajelo ‘n faccia, sarebbe de sbattejela ‘n faccia; armeno così pònno ariconoscese mejo de davanti a ‘n specchio.

    Comment di 'svardoASR'29 — 25 Agosto 2013 @ 08:45
  2. Vabbeh “….. davanti a ‘no specchio”. La tastiera me s’era magnata ‘na “o”.

    Comment di 'svardoASR'29 — 25 Agosto 2013 @ 08:47
  3. Ma perché, esistono al giorno d’oggi persone così?

    FORZA ROMA SEMPRE!

    Comment di letizia — 25 Agosto 2013 @ 11:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>