Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Agosto 2018

Er matino

Er matino

***

Pure d’estate cià der frizzantino,

co un’aria come che sta pe succede

quarcosa che nun sai e che nun se vede,

ma ce lo sai ch’è lì, te sta vicino.

 ***

M’addanno pe la gente che nun crede,

che ’gni matina è frutto der divino,

come si fosse un caso o più un casino,

’sto monno ch’arisplenne de mercede.

 ***

Poi mano a mano che passeno l’ore,

tenne le braccia ar giorno che l’annega,

facennoje sparì gusto e sapore.

 ***

Tant’è che resta un dubbio e nun se spiega,

com’è che nun je porta mai rancore,

torna er matino dopo e se ne frega…

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

  1. Stupendo, piano di sentimento. Ogni mattina ricomincia una nuova vita!

    Comment di letizia — 28 Agosto 2013 @ 10:59
  2. Pure d’estate cià der frizzantino,
    co un’aria come che sta pe succede
    quarcosa che nun sai e che nun se vede,
    ma ce lo sai ch’è lì, te sta vicino. … (continua)

    Comment di Stefano — 27 Agosto 2018 @ 06:46
  3. “…M’addanno pe la gente che nun crede,
    che ’gni matina è frutto der divino…”
    Ogni nuovo sorgere del sole è il miracolo della vita che si rinnova per mano divina!

    Comment di Silvio — 27 Agosto 2018 @ 10:28
  4. Il mattino è veramente il miglior momento della giornata! Chissà cosa ci riserverà il prosieguo, specialmente nella serata!
    Intanto il pallotta si è veduto un altro pezzo di ROMA.
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 27 Agosto 2018 @ 13:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>