Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Agosto 2013

Er pomeriggio

Er pomeriggio

***

Nun se sa mai preciso quanno ha inizzio,

legato sì com’è da che se pranza,

comincia lì così, in bona sostanza

e dura finché abbruna in precipizzio.

 ***

Ché pe coprì ’sto tempo e ’sta distanza,

sarebbe er tempo giusto e er più propizzio,

pe stennese sur letto e dasse ar vizzio,

d’accoje quela pennica che avanza.

 ***

’Sta vita, ormai, è sempre più ’na lotta,

a chi córe deppiù pe arivà in cima,

ché chi se ferma ha perzo la pagnotta.

 ***

La pennica, perciò, nun trova er clima

(poi dice che uno sclera, sbraita e sbotta)

ch’er pomeriggio è ito, ha fatto prima…

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. …e quando il pomeriggio è finito, mi aspetto la sera! Bravo Stefano!
    Io, comunque nel pomeriggio non faccio penniche, mi sembra di sprecare il tempo.

    Comment by letizia — 29 Agosto 2013 @ 10:40
  2. Defatti: oggi gniente pennica, arimmannata pe faccenne casarecce e mo’ ch’ho fenito è ormai ora de cena.
    Cmq nun è consuetudine mia de falla, ma se me trovo a lavorà ae PC me vie’ ‘na cecagna tale che m’ho da appennica’ pe forza ‘na decina de minuti.

    Comment by 'svardoASR'29 — 29 Agosto 2013 @ 19:10
  3. Io non posso farne in ufficio!

    Comment by principessa — 29 Agosto 2013 @ 19:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>