Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Agosto 2013

Er tramonto

Er tramonto

***

 Seconno me Iddio che l’ha creato,

mentre lo stava a fà, ha fatto er conto

de quanti amori sboccieno ar tramonto,

se sarà detto: “Me so’ superato!”

 ***

Er sole a l’orizzonte me fa tonto,

peggio de quanto già nun ce so’ nato,

in quer momento me se mozza er fiato,

tarmente è bello che nun cià confronto.

 ***

Mentre se tuffa, lento fa un saluto,

a dà l’urtimi raggi, a poco a poco,

pe tigne er cèlo a panno de velluto.

 ***

Me pare de capillo, pressappoco,

quanno se spegne e io m’accorgo, muto,

che ’sto tramonto ha vinto e chiuso er gioco.

***

Stefano Agostino

_______________________

  1. Mo’ semo arivati a la tetralogia: Arba, Matino, Pomeriggio e Tramonto; de certo,a completa’ ‘na pentalogia, seguirà er quinto sonetto e sarà ancora più bello.
    Questo der Tramonto, me porta addietro de tanti anni, ma lassamo perde’, ché nun è più er caso d’arinvanga’ le cose perdute.
    Cmq, grazie Ste’, de provocamme ‘sti ricordi.

    Comment di 'svardoASR'29 — 30 Agosto 2013 @ 09:46
  2. Il tramonto è uno spettacolo suggestivo, specialmente al mare!

    Comment di letizia — 30 Agosto 2013 @ 10:52
  3. Pe parla’ de tramonti ‘ndimenticabbili: quello che se gode dar “Giardino de l’aranci” a l’Aventino è uno de li più belli. Te fa senti’ orgojoso d’esse’ romano e de vive ‘n sta città.
    Poi ….. aritornanno ‘n periferia, te cascheno le braccia e te vergogni d’esse’ romano e de vive a Roma.
    Scusate la polemica.

    Comment di 'svardoASR'29 — 30 Agosto 2013 @ 16:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>