Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Agosto 2013

La notte

La notte

***

Mistero, bujo, spazzio dato ar sogno,

la Tera che s’accuccia co le stelle,

un tiepido calore de fiammelle,

rimedio e stacco pe chi cià bisogno.

 ***

Piena de vita, friccico ribbelle,

come pe dije ar giorno: “Te sbologno,

pò èsse che domani me vergogno,

ma adesso me la godo su la pelle”.

 ***

Unisce l’ieri a l’oggi e in un momento,

seconno ch’arispetta o no li piani,

pò èsse schiocco maggico o tormento.

 ***

Ma prima che poi er gallo l’allontani,

cojila tutta, finché er cèlo è spento:

la notte nun cià tempo pe domani.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Come sempre sai dare un sapore magico alle cose che ti ispirano. Questo sonetto è davvero bello.

    Comment by Carlo Pighi — 31 Agosto 2013 @ 09:15
  2. E’ bellissimo, forse (per me) il migliore dei quattro! l’ultimo verso poi… magnifico!

    Comment by letizia — 31 Agosto 2013 @ 11:13
  3. Ecco completata la “pentalogia” de le 24 ore.
    Ste’, pò esse’ che sei a reincarnazione de Arigo Boito, librettista de “La Gioconda” de Amircare Ponchielli. Si, perché, co ‘sta pentalogia, potresti ave’ ispirato ‘a “Danza de le Ore” ner 1876.
    Sei troppo forte!!!!

    Comment by 'svardoASR'29 — 31 Agosto 2013 @ 15:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>