Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Agosto 2016

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

Dar Vangelo der giorno: l’invitato a nozze

***

Je disse: “Quanno che tu sei invitato,

intenno dì a le nozze e c’è er banchetto,

nun scejete mai er posto più perfetto,

er mejo e er più vicino ar festeggiato.

***

Ché nun ce sia chi è de maggior rispetto,

e tu che ar primo posto eri piazzato,

da questi sei scarzato e aretrato,

sin a l’urtimo guasi a fà un dispetto.

***

E quanno fai un banchetto er tuo invito

nun fallo a amichi o a soliti parenti,

pe èsse poi lor ospite servito.

***

Tu chiama zoppi, storpi o nun vedenti

o chi sta sempre in bianco aripulito,

Dio aricompenzerà ‘st’intennimenti”.

a***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Grande Stefano: perfetta esposizione in rima del Vangelo odierno.

    Comment by letizia — 1 Settembre 2013 @ 12:47
  2. Je disse: “Quanno che tu sei invitato,
    intenno dì a le nozze e c’è er banchetto,
    nun scejete mai er posto più perfetto,
    er mejo e er più vicino ar festeggiato. … (continua)

    Comment by Stefano — 28 Agosto 2016 @ 09:36
  3. Gesù ce l’ha sempre detto: “Beati gli ultimi perché saranno primi”. Meditiamo su queste parole e trattiamo il prossimo in cattive acque come noi stessi.
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 28 Agosto 2016 @ 10:44
  4. Bongiorno. Er Vangelo odierno ripete l’insegnamento di umiltà, continuamente ripetuto da Gesù: l’essere umile tra gli umili e non fare vanagloria. Se lo meriti sarà il tuo ospite a chiamarti vicino a lui.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 28 Agosto 2016 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>