Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Settembre 2013

Me scuserete si pe quarche giorno…

Me scuserete si pe quarche giorno …

***

Me scuserete si pe quarche giorno,

er tempo giusto propio der rientro,

dico ar lavoro, poco me concentro,

a scrive in verzi e fà un sonetto attorno.

***

Ciò quer magone che me viè da dentro,

a rivedé l’ufficio e  quer contorno

de pratiche che metterebbe ar forno

e invece me ce trovo immerzo addentro.

***

Pazzienza, ha da passà, anzi un lavoro,

in de sti tempi de granni miserie,

è manna e viè dar Cèlo e vale oro.

***

Ma a arivedé colleghi e genti serie,

giacca e cravatta, tutti in tiro … loro,

me viè da piagne a ripenzà a le ferie.

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Su, su, Stefano, coraggio! Tu hai un dono grande (la poesia), nel quale ti puoi rifugiare quando vuoi e non è da tutti.

    Comment by letizia — 5 Settembre 2013 @ 11:59
  2. Daje Ste’, si te senti stranito a riprenne er solito tran tran, penza che è eguale pe tutti. Ancora oggi e domani, poi c’è sabbato e domenica, pe ridimenziona’ le cose.
    Si vabbeh, nun lo vojo menziona’, poi ce sarà de nòvo …. er giorno prima de martedì.

    Comment by 'svardoASR'29 — 5 Settembre 2013 @ 15:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>