Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

7 Settembre 2013

7.9.13 – Diggiuno e preghiera

7.9.13 – Diggiuno e preghiera

***

Giornata de diggiuno e de preghiera,

promossa da Francesco pe la pace,

e visto che ce credo e lui me piace,

nun magno e prego, da matina a sera.

***

Tu che me leggi, si nun te dispiace,

‘st’idea venuta ar Papa a che ‘sta Sfera

der monno nun finisca a fà la guera,

fa’ come me, pe scongiurà un “qui giace”.

***

Basta un minuto de raccojimento,

un Padre Nostro e un Ave  Maria,

purché sinceri a recità ‘st’intento.

***

Ché a pane e acqua nun dà malatia,

è un sacrificio, solo de un momento,

ma pò evità ‘sta guera e così sia.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Grazie Stefano: lo farò molto volentieri e che il Signore ci aiuti.

    Comment by letizia — 7 Settembre 2013 @ 11:21
  2. … io non digiuno né prego ma condivido il pensiero di chi lo fa…

    Comment by Elio Malloni — 7 Settembre 2013 @ 12:40
  3. Adesione già data da l’arba de sta matina. No pe polemizza’, solo pe chiarezza, co chi condivide senza opera’, me fanno aricorda’ quello che diceva: “armamose e partite”.
    Er diggiuno pe’ ‘na causa nun è ‘na questione de religgione. Pannella diggiuna pe certe cause e, de certo, nun è che crede in quarche religgione.

    Comment by 'svardoASR'29 — 7 Settembre 2013 @ 12:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>