Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

9 Settembre 2013

Viaggio dentro me

Viaggio dentro me

***

Ho spento la tivvù e er cellulare,

pe un giorno solo so’ sceso dar monno,

ch’ha continuato lui a girà ch’è tonno,

j’ho detto: “Aspetto un’artra circolare”.

***

Pe un giorno ho fatto un viaggio ner profonno

ne l’io più interno e più particolare,

un viaggio ch’è da conzijà e che pare

tutt’artro che immediato o de un seconno.

***

Arivedé le scene der passato,

focalizzà li punti un po’ più oscuri

e riconziderà l’avuto e er dato.

***

Cercanno de scoprì pareti e muri

‘ndo tanto prima o poi me so’ scontrato,

p’abbatteli e pe vive più sicuri…

***

Un viaggio ch’è tutt’artro che scontato,

ma si nun artro pe li dì futuri,

me starà a dì: “lì già ciài camminato”.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Bella descrizzione de ‘n’esame ‘ntrospettivo de se stesso. Nun so’ poveta e manco so’ descriveme, ma me capita spesso de famme ‘n sacco de domanne davanti a ‘no specchio; l’arisurtato è che er più de le vòrte arisurta … ch’ho perzo.
    Ecco Ste’, ‘n’antro sonetto fornitore de spunti de vita. Sei un granne e de che te vòi lamenta’?

    Comment by 'svardoASR'29 — 9 Settembre 2013 @ 08:12
  2. Ogni tanto, veramente bisognerebbe fare un viaggio entro se stessi: io qualche volta c’ho provato, ma sempre sono tornata indietro in tutta fretta perchè mi sono spaventata.

    Comment by letizia — 9 Settembre 2013 @ 09:50
  3. L’intensa riflessione porta a nuova vita, non fa mai danni, solo aiuta, porta equilibrio, rimette in ordine, pulisce: è un ricostituente dello spirito!

    Comment by Silvio — 9 Settembre 2013 @ 12:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>