Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

1 Ottobre 2013

A la derIVA

A la der-IVA

***

Rincaro de benzina, er punto d’IVA,

governo che s’aregge co ‘no sputo,

(che poi me sa ch’è un “deggiavù” vissuto)

co ‘sto Paese che va a la deriva.

***

Ma a ‘ste assurde facce da velluto,

de come sta l’Italia, morta o viva,

nun je ne frega gnente, stanno a riva,

ner mentre tutto er resto affonna muto.

***

C’è da sarvà sortanto la portrona,

 dove s’appoggia l’omo messo a sede,

pe loro co la colla in quela zona…

***

che sta sempre anniscosta e nun se vede,

che segna granne sforzo o sorte bona,

gemella de la faccia che possiede.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Sto a cerca’ ‘o spazzio pe ‘n’antro buco a alo cinta. Ormai so’ arivato a la fibbia. Se fa pe di’, co sta trippa che m’aritrovo è praticamente ‘mpossibbile.
    Apparte li scherzi, ce stanno propio a sfotte: tajeno de quà, de là, de su e de giù, la greppia ando’ magneno? Quella no? Nun s’ariesce a faje capi’ ch’hanno da taja du terzi de quello che se fregheno ‘n forma de stipendio.

    Comment di 'svardoASR'29 — 1 Ottobre 2013 @ 10:15
  2. Povera Italia nostra, come siamo caduti in basso! Ma a loro che gliene frega! BUFFONI E LADRI

    Comment di letizia — 1 Ottobre 2013 @ 11:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>