Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Ottobre 2013

Tutta scena

Tutta scena

***

Nun basta l’infilasse su ‘na giacca,

camicia, co cravatta e pantaloni,

‘na bella cinta e scarpe, p’èsse boni

a lavorà, mettenno quarche tacca.

***

Ché annà vestiti come gran piacioni,

pe nun fà gnente da quanno s’attacca,

fin’a ch’è l’ora giusta che se stacca,

inganna solo l’occhi un po’ cojoni.

***

Nun è ch’ha da vestì da stracciarolo,

ma nun m’abbasta véde un manichino,

pe dì che lui lavora, io qui me dolo… 

***

… sippoi, tutto caruccio e precisino,

l’annà in giro così je serve solo,

pe stà a timbrà du’ vorte er cartellino.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Ahò ammazza quant’è pieno de ‘sti fintoni in giro, tutta scena e niente sostanza, insomma sò proprio canne vòte eheheh…

    Comment by Silvio — 3 Ottobre 2013 @ 09:45
  2. Tutt’apparenza e niente sostanza! Manichini!

    Comment by letizia — 3 Ottobre 2013 @ 10:31
  3. Stakanovisti der fa’ gniente, sia ne l’impiego che ‘n politica.Sarà ‘n’opignione mia, ma più s’acchitteno e più so’ str..ani. Nun vojo suscita’ ‘n vespajo, ma penzo, co’ ‘n certo astio, a quell’elegantone da l’erre moscia che, pretennenno ‘na settimana de 35 ore, ha fatto casca’ er Governo Prodi che nun stava a opera’ male. Da lì è ‘ncominciato lo sfascio progressivo fino a oggi. Che str…anezze.

    Comment by 'svardoASR'29 — 3 Ottobre 2013 @ 14:00
  4. Bravo Svardo, ottima memoria.
    E’ da quella sciagurata e inutile forzatura del signor bertinotti che è nato il ventennio berlusconiano, e chissà quanti anni ce vorranno per ricostruire una Italia dignitosa

    Comment by Pablo Bighorn — 5 Ottobre 2013 @ 11:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>