Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Ottobre 2013

Capo d’accUSA

Capo d’accUSA

***

L’America che sta a rischià er collasso,

ossia er tracollo de l’economia,

su cui s’aregge er monno, è carestia,

pe nun dì inferno cor suo contrappasso.

***

Qui nun ce vò chissà che fantasia,

pe immagginà che razza de sconquasso,

succederebbe ar monno e che fracasso

che famo tutti quanti, mamma mia.

***

Inutile guardasse l’orticello,

penzanno de riuscì a restà ar sicuro,

a quarche metro appena dar bordello.

***

Pregamo nun sia questo mai er futuro,

che artrimenti, p’affonnà er cortello,

se lo pijamo tutti ‘sto siluro.

***

 Stefano Agostino

______________________________

  1. Questo significa essersi legati a doppio filo ai (pre)potenti del pianeta: se sprofonda il Re periscono anche i suoi sudditi!!!

    Comment di Silvio — 11 Ottobre 2013 @ 09:21
  2. Certo che il futuro è veramente nero! Confidiamo nell’aiuto del Signore, unica speranza.

    Comment di letizia — 11 Ottobre 2013 @ 11:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>