Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Ottobre 2013

Da IMU a TRISE

Da IMU a TRISE

***

Capito che invenzione ‘sto Governo?

Si c’è ‘na tassa che, pare de troppo,

basta cambiaje er nome, ch’è un intoppo,

e s’arisorve tutto in sempiterno.

***

Si è l’IMU a  renne ‘sto paese zoppo,

a l’occhio sempre viggile a l’esterno,

ma che ce vò? Se cambia er nome ar perno

e s’arisorve er tutto, senza un groppo.

***

Così che l’IMU nun è più un probblema,

perartro già scontato co l’accise,

e andranno avanti sempre co ‘sto schema.

***

Er giorno che nun se saprà più come

stà a tartassà er Paese co la TRISE,

che ce vorà a ricambiaje er nome?

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. E’ come se in una crisi coniugale moje e marito se cambiano er nome: ahò improvvisamente è tutta n’artra cosa! Nun so’ più loro, diventano altre persone! … E ogni problema è risolto!

    Comment di Silvio — 16 Ottobre 2013 @ 09:36
  2. Chelipossinammazzalli ‘ste teste de ca…volo

    Comment di letizia — 16 Ottobre 2013 @ 09:59
  3. 100% Letizia. Ce stanio a leva’ li pedalini, senza levacce le scarpe.

    Comment di 'svardoASR'29 — 16 Ottobre 2013 @ 15:15

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>